Podcast: L’Accademia della Crusca

Come ogni lingua, anche l’italiano è in continua trasformazione. Per questo motivo, venne istituita un’Accademia che aiutasse le persone a capire i cambiamenti della lingua italiana. Ascoltate il podcast per saperne di più!

Like every language, Italian too is in constant transformation. For this reason, an Academy was set up to help people understand the changes in the Italian language. Listen to the podcast to find out more!

Listening n° 77

Buon ascolto!


L’IMPORTANZA DELL’ACCADEMIA DELLA CRUSCA

La lingua è un essere vivente come noi: cresce, si trasforma, presenta parole nuove che nascono e altre che invecchiano e muoiono.

La lingua di Dante segue, ovviamente, lo stesso percorso di tutte le altre lingue del mondo.

Chi determina la grammatica di una lingua? Chi definisce desueto un termine, o accetta una nuova parola nel vocabolario?

In Italia, ogni trasformazione, nascita o morte di una parola o di una regola grammaticale è osservato e trascritto dall’Accademia della Crusca.

L’Accademia della Crusca è la massima istituzione linguistica italiana ed è considerata la più antica accademia linguistica del mondo.

Costituita ufficialmente il 25 marzo 1585, presenta nella sua denominazione un riferimento alla crusca, cioè un residuo della macinazione del grano. In questo modo, si voleva richiamare il lavoro di selezione e pulizia della lingua italiana per produrre il fior fiore della “farina” italiana.

Per questo aspetto, l’Accademia della Crusca è stata a volte criticata per essere troppo purista. Tuttavia, grazie al lavoro dell’Accademia, oggi possediamo delle spiegazioni e dei resoconti storici delle parole e delle regole grammaticali italiane.

Con l’avvento di internet, l’Accademia della Crusca ha abbracciato l’informatica, aprendo un sito in cui chiunque, madrelingua o straniero, può attingere alle ricerche e alla storia della lingua italiana.


Domande:

1) Che cos’è l’Accademia della Crusca?

2) Quando viene istituita?

3) Come si comporta con l’avvento di internet?

 

Lascia un commento