Podcast: Il campanile di Venezia distrutto

Venezia: una delle città più famose e visitate al mondo. Voi l’avete già visitata? Avete già ammirato Piazza San Marco o il Ponte di Rialto? Il podcast di oggi racconta un fatto poco conosciuto della città…

Venice: one of the most famous and visited cities in the world. Have you already visited it? Have you already admired St. Mark’s Square or the Rialto Bridge? Today’s podcast tells a little-known fact of the city …

Listening n° 43

Buon ascolto!


IL CROLLO DEL CAMPANILE DI VENEZIA

 

Venezia è magica. Come ogni città al mondo, presenta ovviamente anche dei difetti, ma vengono facilmente dimenticati quando si contemplano le centinaia di ponti, le migliaia di calli in cui è bello perdersi, le barche e le gondole che ravvivano i canali.

Venezia è una città piena di cultura, storia e arte e quando pensiamo a lei, due sono i monumenti che ci vengono subito in mente: il ponte di Rialto e Piazza San Marco.

Quest’ultima accoglie moltissimi turisti che ammirano la Basilica di San Marco e il suo campanile.

Forse li avrete già visitati, o forse no, ma quasi sicuramente non siete a conoscenza di un aneddoto che riguarda proprio il campanile di San Marco.

La mattina del 14 luglio 1902, un boato incredibile allarma Venezia: il campanile, uno dei simboli della città, crolla, lasciando attorno a sé solo macerie.

I veneziani rimangono sconvolti e rattristati e violente polemiche nascono perché il crollo poteva essere evitato: già nei giorni precedenti si potevano notare delle crepe evidenti.

Fortunatamente, il crollo del campanile non causa vittime e i lavori di ricostruzione cominciano quasi subito.

Moltissime città italiane e straniere aiutano economicamente Venezia: ci vogliono nove anni per ricostruire il campanile di San Marco, che ora svetta imponente sulla piazza.

 

venezia
Credits

 


Domande:

1) Hai mai visitato Venezia? Se sì, quando?

2) Quali sono i due monumenti più famosi della città?

3) Che cosa succede nel 1902?  

4) Chi aiuta la città veneziana?

 

 

Lascia un commento