Podcast: Lucio Battisti

L’Italia ha conosciuto e conosce tuttora moltissimi cantanti di successo, forse non tutti conosciuti all’estero, ma profondamente amati in patria. Il podcast di oggi vuole ricordare uno di questi cantanti, da molti considerato IL cantante. Ascolta il podcast!

Italy has known and still knows many successful singers, perhaps not all known abroad, but deeply loved in their homeland. Today’s podcast wants to remember one of these singers, considered by many to be THE singer. Listen to the podcast!

Listening n° 74

Buon ascolto!


L’ERA DI LUCIO BATTISTI

Nato il 5 marzo 1943 in provincia di Rieti, Lucio Battisti comincia a trascurare gli studi proprio per il suo amore per la musica.

Spinto dal padre a terminare la carriera scolastica, si dedica successivamente e completamente alla musica.

Negli anni Sessanta conosce e inizia a collaborare con uno dei parolieri italiani più famosi: Giulio Rapetti, in arte Mogol.

Per Mogol, le canzoni proposte da Battisti non presentano una particolare attrattiva; tuttavia, decide di collaborare insieme a lui, colpito dalla sua umiltà e voglia di imparare.

Il successo arriva subito: le canzoni 29 settembre, Balla Linda, Non è Francesca, Acqua azzurra acqua chiara, La canzone del sole e molte altre lo consacrano come autore e come cantante.

Il sodalizio con Mogol continua a dare i suoi frutti e fino agli anni Ottanta i dischi di Battisti ottengono sempre i posti più alti delle classifiche di vendita.

Nel frattempo, Lucio Battisti decide piano piano di distaccarsi dai mass media: rifiuta servizi fotografici, interviste, presenze in televisione. Termina anche la collaborazione con Mogol, a cui seguirà Pasquale Panella.

Muore a soli 55 anni, nel settembre del 1998, e la moglie, per proteggere il lavoro e l’immagine di Battisti,  bloccherà moltissimi tributi, iniziative, cover in onore dell’artista scomparso.


Domande:

1) Chi è Lucio Battisti?

2) Chi è Mogol?

3) Quali sono le canzoni più famose di Battisti?

4) Cosa succede dopo la sua morte?

Lascia un commento