Podcast: Luigi Pirandello

È stato uno dei sei italiani a ricevere il Nobel per la letteratura per aver innovato la drammaturgia. Hai mai sentito parlare di Luigi Pirandello? Ascolta il podcast per saperne di più!

He was one of the six Italians to receive the Nobel Prize for literature for having innovated dramaturgy. Have you ever heard of Luigi Pirandello? Listen to the podcast to find out more!

Listening n° 105

Buon ascolto!


PIRANDELLO VINCE IL NOBEL PER LA LETTERATURA

Uno, nessuno, centomila.

Questa è solo una delle opere create da uno dei più importanti scrittori e drammaturghi della storia italiana: Luigi Pirandello.

Pirandello nasce nel 1867 ad Agrigento, all’epoca chiamata Girgenti, da un’agiata famiglia borghese.

Studia all’università di Palermo, per poi passare a Bonn, dove si laurea in Filologia romanza.

Dopo il matrimonio con Maria Antonietta Portulano, Pirandello vive una complicata situazione familiare, dovuta sia alla mancanza di denaro, sia alla malattia mentale della moglie che continuerà a peggiorare negli anni.

Nel frattempo, Pirandello continua a lavorare e a scrivere: nel 1904 arriva il suo primo successo con Il fu Mattia Pascal, tradotto in diverse lingue e apprezzato dal pubblico.

Si avvicina al teatro nel 1922, dove, secondo molti critici, riesce ad esprimere al meglio la sua concezione della realtà. Per questo motivo è considerato uno dei più grandi drammaturghi del ventesimo secolo.

Proprio per il suo ingegnoso rinnovamento dell’arte teatrale e drammatica, ottiene nel 1934 il Nobel per la Letteratura. Pirandello è uno dei sei italiani a ricevere questo premio; prima di lui, l’ottennero Giosuè Carducci e Grazia Deledda.

Muore nel dicembre del 1936, a causa di una polmonite. Il Comune di Agrigento gli dedicherà la piazza principale in occasione del centenario della sua nascita.


Domande:

1) Chi è Luigi Pirandello?

2) Cosa succede nel 1904?

3) Perché vince il Nobel per la Letteratura nel 1934?

4) Quali altri scrittori italiani hanno vinto il Nobel prima di lui?

Lascia un commento