Podcast: Francesco Petrarca

Non c’è studente italiano che non conosca Francesco Petrarca: insieme a Dante e Boccaccio, Petrarca costituisce uno dei padri fondatori della lingua italiana. E voi, lo conoscete? Ascoltate il podcast per saperne di più su questo poeta!

There is no Italian student who does not know Francesco Petrarca: together with Dante and Boccaccio, Petrarca is one of the founding fathers of the Italian language. And you, do you know him? Listen to the podcast to learn more about this poet!

Listening n° 95

Buon ascolto!


LA POESIA INNOVATIVA DI FRANCESCO PETRARCA

In Italia, non esiste uno studente che non conosca chi è il poeta Francesco Petrarca. La triade Dante, Petrarca e Boccaccio è riconosciuta come la madre della letteratura italiana, nonché la fondatrice della stessa lingua italiana.

Francesco Petrarca nacque ad Arezzo nel 1304 e da giovane studiò grammatica, retorica e dialettica.

La sua maturazione poetica iniziò dall’incontro con una giovane donna di nome Laura, a cui s’ispirò per scrivere la sua opera più famosa: Il Canzoniere. Nonostante scrisse molte opere in latino, all’epoca considerata la lingua letteraria per eccellenza, Petrarca è ricordato quasi essenzialmente per le sue opere scritte in volgare, una scelta che lo inserì nell’immortalità letteraria italiana.

Il volgare usato da Petrarca era la lingua fiorentina parlata nel quattordicesimo secolo. A differenza di Dante, che usò il volgare fiorentino nella Divina Commedia, le poesie volgari di Petrarca furono caratterizzate da un’attenta ricerca e selezione delle parole, continuamente modificate e perfezionate allo scopo di raggiungere il livello di una poesia aristocratica.

Petrarca fu inoltre il primo esempio nella storia di filologo e anticipò diversi aspetti che caratterizzeranno l’Umanesimo.

Morì ad Arquà nel 1374, rimanendo però immortale nella storia italiana.


Domande:

1) Chi è Francesco Petrarca?

2) Perché Petrarca è spesso ricordato insieme a Dante e a Boccaccio?

3) In quale modo usava la lingua volgare fiorentina?

Lascia un commento