Podcast: Il terremoto de L’Aquila

L’Italia è un paese ad alto rischio sismico. Purtroppo, molte zone sono state colpite da terremoti nel passato e lo sono tuttora. Sono cinque i terremoti più distruttivi accaduto in quest’epoca contemporanea e nel podcast di oggi ve ne racconterò uno in particolare.

Italy is a country with a high seismic risk. Unfortunately, many areas have been hit by earthquakes in the past and still are. There are five more destructive earthquakes that happened in this contemporary era and in today’s podcast I will tell you one in particular!

Listening n° 78

Buon ascolto!


L’AQUILA SCOSSA DAL TERREMOTO

Quando la natura si ribella, l’uomo può fare poco, o quasi nulla.

È quello che è capitato a L’Aquila, il capoluogo della regione Abruzzo, il 6 aprile 2009.

Alle 3.32 di notte, una potente scossa di terremoto rade al suolo gran parte del capoluogo e molte altre frazioni vicine.

Secondo la scala di magnitudo del momento sismico (MMS), il terremoto del 6 aprile 2009 ha registrato un valore pari a 6.3 MMS. Le scosse, di varia intensità, erano cominciate nel 2008 e continueranno a farsi sentire fino al 2012. Solamente nelle 48 ore successive, si registrano più di 250 eventi sismici.

Questo sisma si colloca al quinto posto tra i terremoti più distruttivi dell’Italia contemporanea: 309 vittime, 1.178 feriti, più di 65mila sfollati e 10 miliardi di euro di danni.

La risposta dei soccorsi alla tragedia è immediata, mostrando a tutto il mondo la solidarietà degli italiani e degli stranieri. Purtroppo, fenomeni come questi mostrano sia il meglio delle persone sia il peggio. Moltissimi sono stati gli episodi di sciacallaggio: furto di oggetti di valore nelle case semi distrutte; vendita di beni alimentari a prezzi esorbitanti; false raccolte fondi per le vittime.

La burocrazia italiana e altri problemi hanno rallentato la costruzione de L’Aquila che, tutt’oggi, non è ancora completata.

Credit

Domande:

1) Che cos’è L’Aquila?

2) Cosa succede il 6 aprile 2009?

3) Qual è il bilancio?

4) Cosa succede subito dopo il terremoto?

 

Lascia un commento