Podcast: Vittorio Gassman

Trovare un artista poliedrico, un vero e proprio camaleonte è una rarità. Vittorio Gassman si è messo alla prova nel teatro, nel cinema, nel mondo della televisione e ne è uscito vincitore. Ascolta il podcast per saperne di più su questo incredibile artista!

Finding a multifaceted artist, a real chameleon is a rarity. Vittorio Gassman put himself to the test in the theater, in the cinema, in the world of television and won. Listen to the podcast to learn more about this amazing artist!

Listening n° 90

Buon ascolto!


“IL MATTATORE” VITTORIO GASSMAN

Vittorio Gassman nacque nel settembre del 1922 a Genova, da padre tedesco e madre italiana.

Si trasferì a Roma molto giovane, per iniziare la sua carriera di studi all’Accademia nazionale d’Arte drammatica, insieme ad altri grandi dello spettacolo italiano.

Il suo debutto avvenne nel teatro: con la sua prestanza fisica e la sua voce, Vittorio Gassman riusciva a essere un camaleonte, passando da personaggi della tragedia a quelli della commedia senza apparente difficoltà.

La sua vita privata fu disinvolta e causò qualche scandalo, mentre nella vita artistica esigeva un’assoluta e perfetta professionalità e dizione.

Successivamente, Gassman debuttò anche nel cinema, lavorando con i più grandi registi del tempo: Luchino Visconti, Dino Risi, Vittorio De Sica, Mario Monicelli, Roberto Rossellini, Giuseppe De Santis.

Alcuni dei film più di successo, in cui Vittorio Gassman recitò, furono Riso Amaro – il suo primo grande successo cinematografico -, I soliti ignoti, Il sorpasso, La grande guerra, L’armata Brancaleone.

Vittorio Gassman entrò nelle case degli italiani anche nel piccolo schermo: nel 1959, fu scelto come conduttore del programma televisivo Il Mattatore. Questa trasmissione ebbe un successo inaspettato e diede a Gassman il soprannome che lo caratterizzerà negli anni a venire.


Domande:

1) Chi è Vittorio Gassman?

2) In quali discipline artistiche si è messo alla prova?

3) Quali furono i suoi più grandi successi?

 

Lascia un commento