fbpx

Podcast – Il Futurismo – parte 5

Come si è sviluppato il Futurismo nel periodo delle due guerre mondiali? Ci sono stati dei significativi cambiamenti o eventi?

Scopritelo ascoltandolo il podcast!

How did Futurism develop in the period of the two world wars? Were there any significant changes or events?

Find out by listening to the podcast!

Listening n° 160

Buon ascolto!


GUERRA, FASCISMO E FUTURISMO

Lo abbiamo già detto più volte: uno dei punti cardine del Futurismo era l’omaggio e la volontà di glorificare la guerra, in quanto rappresentava l’unico modo di purificare il mondo.

Questa criticata affermazione non deve essere letta come una presa di posizione razzista, bensì come un’ansia di rivoluzione, di ricerca di rinascita dopo una rottura con il passato.

Certo, si potrebbe comunque constatare che la frase: “Noi vogliamo glorificare la guerra, sola igiene del mondo”, presente nel primo Manifesto del Futurismo possa sembrare un’affermazione sia spregiudicata, sia ingenua.

In ogni caso, la guerra veniva vista dai futuristi – specialmente da quelli della prima generazione – come una maniera di sperimentare coraggio e patriottismo. Non è una coincidenza che molti artisti futuristi si arruolarono come volontari nella Prima Guerra mondiale, ma le conseguenze furono pesanti: Boccioni e Sant’Elia morirono, mentre Carrà ne rimase profondamente scosso.

La seconda generazione futurista perse quella carica di rottura e contestazione tipica del primo nucleo di avanguardisti, ma il linguaggio futurista venne comunque scelto dal fascismo per la sua propaganda politica.

Lo stesso Marinetti fondò un suo partito politico che in un secondo momento confluì nei Fasci di combattimento, fondati da Mussolini che il padre del futurismo frequentò per alcuni anni.

Tuttavia, Marinetti si dimostrò scontento dalla svolta reazionaria di Mussolini e né lui, né altri artisti aderiranno personalmente al partito. Con l’instaurarsi del regime, i futuristi cercarono di tenersi lontani dalla vita politica, non esprimendo né consenso, né dissenso.

I futuristi rimasti e quelli che si aggiunsero dopo la morte di Marinetti, avvenuta nel 1944, vennero comunque tacciati come sostenitori del fascismo e per questo disprezzati.

Purtroppo, l’equazione futurismo = fascismo danneggiò non solo il movimento e gli artisti dell’epoca, ma anche l’oggettività degli studi e delle ricerche successivi su questa importante avanguardia italiana, un fatto che per troppi anni ha impedito di riconoscerne l’indubbio valore e i giusti meriti.

 


Domande:

1) Cosa pensavano della guerra i futuristi?

2) Cosa capitò quando cominciò a emergere il fascismo?

3) Cosa causò l’associazione del futurismo al fascismo?

Lascia un commento